Questo articolo proviene da
www.infocity.it
il network del giornalismo e della comunicazione
Copyright © tutti i diritti riservati

Lsdi: "i giornalisti iscritti allí Ordine in Italia sono oltre 112.000"

Secondo lo studio tra gli iscritti all'ordine solo 1 su 5 (il 19,1% degli iscritti) ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato

I giornalisti iscritti all’ Ordine in Italia  sono oltre 112.000 (il triplo di quelli francesi e il doppio di quelli che lavorano nel Regno Unito) ma  solo il 45% sono attivi ‘’ufficialmente’’.

E solo 1 su 5
(il 19,1% degli iscritti) ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato, che gli porta un reddito, in media, 5 volte superiore a quello di un freelance (e 6,4 volte maggiore nel caso dei Co.co.co). Una conferma del crescente divario nei redditi fra i due segmenti della professione.

I giornalisti attivi ‘’visibili’’ (
quelli con una posizione all’ Inpgi, l’ istituto di previdenza del settore)  continuano ad aumentare: dai 43.300 del 2009 ai 46.243 della fine del 2011. Ma la crescita è dovuta al lavoro autonomo, visto che l’ area di quello dipendente continua a restringersi, con un calo dei rapporti di lavoro del 5,1% dal 2008 alla fine del 2011.

Sono alcuni dei dati che emergono da ‘’La fabbrica dei giornalisti’’, l’ aggiornamento del Rapporto sulla professione giornalistica in Italia curata da Pino Rea per Lsdi che verrà presentato la mattina del 30 novembre a Roma, nella sede della Fnsi (Corso Vittorio Emanuele II, 349), alle ore 10,30.

All’ incontro – che per il terzo anno consecutivo farà il punto sulla condizione del lavoro giornalistico nel nostro paese – interverranno,  insieme a Franco Siddi e Roberto Natale, segretario generale e presidente della Fnsi, i presidenti degli altri istituti di categoria, Andrea Camporese (Inpgi), Daniele Cerrato (Casagit), Marina Cosi (Fondo complementare) ed Enzo Iacopino (Ordine).

(inserito il 30/11/2012)